Lutto anche a Domo per la scomparsa di Paola Ruminelli

La docente di filosofia di Genova, legata da tempo alla città di Domodossola con un’importante operazione di mecenatismo, e morta questa mattina nella sua città natale.

La notizia è giunta immediatamente a Domodossola, cittàche da ormai qualche anno la prof.ssa Paola Ruminelli amava frequentare e – dal 5 novembre 2015 – anche sostenere, grazie ad una notevole operazione di mecenatismo che ha portato alla fondazione dell’Associazione Culturale Mario Ruminelli.

La docente di filosofia, figlia di Mario, insigne violinista cui appunto è intitolata l’associazione che proprio nei mesi scorsi aveva dato l’avvio ad un calendario di eventi culturali di grande qualità per il capoluogo ossolano, è mancata improvvisamente.

Paola Ruminelli era stata sottoposta nei giorni scorsi ad un’operazione chirurgica, con esito positivo, ma nella mattinata di venerdì 29 luglio le sue condizioni sono peggiorate rapidamente, portandola ad un tracollo improvviso.

Laureata in Lettere Moderne presso l’Università di Genova, aveva conseguito il Diploma di Perfezionamento in Filosofia presso la stessa Università nel 1984, sotto la guida del Prof. Alberto Caracciolo. Già docente di Materie Letterarie nella Scuola Secondaria e di Storia della Filosofia presso Istituti Teologici, ha collaborato attivamente sino ai primi anni del Duemila con il Dipartimento di Filosofia dell’Università di Genova.

La formazione umanistica, favorita anche dalla presenza del padre Mario, eccellente violinista, e il lungo periodo di insegnamento, avevano sviluppato i suoi interessi, legati alla filosofia, l’arte, la religione, la storia, l’etica e i problemi della comunicazione e dell’educazione.
Ha tenuto numerose conferenze presso qualificate istituzioni ed è stata autrice di numerosi articoli, recensioni e saggi presso accreditate riviste culturali e importanti sodalizi.

“Siamo profondamente addolorati per la mancanza di Paola Ruminelli – conferma il Vice Presidente dell’Associazione Mario Ruminelli, Antonio Pagani – la sua perdita è prima di tutto umana e legata alla sua persona, ma rappresenta per la città di Domodossola, cui Paola si era legata profondamente, anche una perdita culturale. Un vuoto incolmabile per tutta l’Associazione, che la ricorderà certamente con commozione e gratitudine, anche per il suo approccio prezioso durante i primi appuntamenti calendarizzati dalla sua e nostra associazione”.


fonte: http://www.ossolanews.it/ossola-news/lutto-anche-a-domo-per-la-scomparsa-di-paola-ruminelli-3051.html