Inaugurata a Domo la mostra dedicata a Giacomo e Giuseppe Rossetti

Taglio del nastro per la mostra organizzata dall’Associazione Culturale Mario Ruminelli e dedicata a Giacomo e Giuseppe Rossetti che grande successo ha riscosso nell’estate scorsa in Valle Vigezzo: in esposizione 56 splendide tele e una serie di meravigliose opere grafiche.

Il Comune di Santa Maria Maggiore ha esposto Peintres de famille nell’intera stagione estiva 2016; a Domodossola, invero, l’allestimento sarà differente e le opere dei Rossetti “dialogheranno” con le tele di pittori ossolani e vigezzini già presenti nella mostra permanente di Palazzo San Francesco, alcune delle quali degli stessi Rossetti.

In attesa del prossimo appuntamento, il sesto, della stagione culturale dell’Associazione (il concerto dell’8 dicembre presso la Collegiata con l’Orchestra da Camera Carlo Coccia, il Coro Ars Nova di Sanremo e il Coro della Cappella del Sacro Monte Calvario diretti da Luca Marzolla) la mostra Peintres de famille – Elogio dell’immagine borghese è stata inaugurata sabato 3 dicembre e rimarrà visitabile fino a domenica 29 gennaio nelle sale di Palazzo San Francesco, nel centro storico di Domodossola.

La mostra, organizzata dall’Associazione Culturale Mario Ruminelli, è curata da Villarte Onlus e patrocinata dal Comune di Domodossola, che ha assicurato il proprio patrocinio a tutte le iniziative future dell’Associazione nata dal desiderio della professoressa Paola Ruminelli.

Il percorso espositivo è dedicato alla famiglia Rossetti Ponti, di cui Giacomo e Giuseppe Rossetti furono esponenti dall’eccezionale importanza per la pittura della Valle Vigezzo e per la vita culturale della città di Domodossola. Nei ritratti esposti si può leggere la storia dell’intera scuola vigezzina, di cui fecero parte i Rossetti, Gennari, Lupetti, Cavalli, Rastellini, per finire con la modernità incandescente di Max Ponti; una scuola che nel passaggio fra Ottocento e Novecento venne portata al più alto livello internazionale da Carlo Fornara, raggiungendo grande popolarità e apprezzamento.

La famiglia Rossetti racconta nei secoli una storia di pittori e di emigranti, ma nello stesso tempo la vicenda intima di una famiglia con i suoi risvolti affettivi, con le sue gioie e i suoi dolori. La Scuola di Belle Arti Rossetti Valentini di Santa Maria Maggiore testimonia ancora oggi la storia e la bellezza di un’epoca irripetibile ed offre ai contemporanei la possibilità di rivolgere lo sguardo a una testimonianza che abbraccia l’arte e il sentimento. I Rossetti lasciarono un patrimonio inestimabile di opere pittoriche ancor oggi conservate in prestigiose strutture espositive come il Louvre di Parigi o il Museo di Lione.

La mostra Peintres de famille consente, grazie ad una cospicua collezione privata di oli e disegni, di aprire una significativa finestra sulla pittura proprio di Giacomo e Giuseppe Rossetti, artisti poco conosciuti, il primo a causa del suo definitivo trasferimento in Francia, a Saint Étienne, e della conseguente rarità di opere note, il secondo per l’ostracismo che gli riservarono gli storici locali a causa del suo impegno politico e delle sue idee anticlericali.

Nei ritratti esposti si ritrovano sia la testimonianza della crescita culturale derivante dall’emigrazione, sia la consapevolezza e l’orgoglio dell’appartenenza alla propria storia, leggibile soprattutto attraverso l’abbigliamento tradizionale con cui le donne di famiglia talvolta sono effigiate. Per più di un secolo sono testimoniate l’evoluzione del gusto non solo del vestire, ma anche delle modalità con cui i membri di una famiglia “di rango” si rappresenta e vuole tramandare la propria immagine: dal modello iconografico legato alla tradizione del ritratto vigezzino si passa a quello dell’epoca napoleonica e, transitando attraverso la figurazione borghese di metà Ottocento, si giunge all’epoca della fotografia, che spesso funge da modello per gli artisti legati da amicizia o da legami parentali alla famiglia, quali Carlo Gaudenzio Lupetti, Enrico Cavalli, Pietro Antonio Gennari e Gian Maria Rastellini. Chiude la mostra uno splendido ritratto, realizzato da Max Ponti, della cugina Ninette, profondamente caratterizzato dalla visione e dalla tecnica espressionista di cui l’ultimo “pittore di famiglia”, se la sua vita non fosse stata prematuramente stroncata dalla malattia, sarebbe divenuto per certo uno dei più significativi esponenti.

“La grande mostra Peintres de famille – Elogio dell’immagine borghese – commenta l’Assessore alla Cultura del Comune di Domodossola Daniele Folino – è la proposta culturale del periodo natalizio offerta dalla famiglia Ponti, dall’Associazione Villarte, dall’Associazione Culturale Mario Ruminelli e dal Comune di Domodossola ai cittadini domesi e a tutti i visitatori che vorranno approfittarne. Il Comune di Domodossola ringrazia sentitamente tutti coloro che hanno lavorato con passione per la realizzazione di un percorso espositivo che stimola riflessioni e desiderio di approfondimento.”

La mostra sarà visitabile il sabato e la domenica dalle 10 alle 12.30 e dalle 16 alle 19, il 24 e 31 dicembre dalle 10 alle 12.30. Apertura straordinaria dal 7 al 9 dicembre, dal 27 al 30 dicembre e dal 2 al 5 gennaio presso Palazzo San Francesco.

La visita della mostra è gratuita, così come, per volere di Paola Ruminelli, sono gratuiti tutti gli appuntamenti culturali organizzati dall’Associazione Ruminelli. È previsto comunque un biglietto di ingresso a Palazzo San Francesco di € 3,00.

 

Fonte: http://www.ossolanews.it/ossola-news/inaugurata-a-domo-la-mostra-dedicata-a-giacomo-e-giuseppe-rossetti-5165.html